Locali chiusi in Lombardia 2

Locali chiusi in Lombardia 2

Locali chiusi in Lombardia 2

LOCALI CHIUSI IN LOMBARDIA 2

Bystaff.it in base alla nuova ordinanza del Ministero della salute causa COVID-19 (coronavirus), comunica che almeno fino a Venerdì 3 Aprile 2020 tutti gli eventi promossi da discoteche e locali assimilati saranno sospesi, salvo nuove disposizioni. Aggiornamenti sulla situazione Covid-19 verranno prontamente comunicati sui nostri canali social come la nostra pagina facebook e il nostro profilo Twitter


Fino a Venerdì 3 Aprile 2020 saranno chiusi locali e discoteche, mentre i ristoranti e bar dovranno chiudere alle ore 18 e riaprire alle Ore 6.

A noi interessa il punto dell’ordinanza alla lettera G che dichiara:
sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché’ gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati; nei predetti luoghi e’ sospesa ogni attività’.

Locali chiusi in Lombardia 2 e non solo.

Anche altre regioni come Veneto ed Emilia Romagna stanno adottando gli stessi provvedimenti e si rischia che a lungo andare i provvedimenti saranno presi in tutte le Regioni d’Italia.


CURIOSITÀ’ SUL CORONAVIRUS

Che cos’è un Coronavirus?
I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Perchè si chiama COVID-19?
La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: “COVID-19” (dove “CO” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease e “19” indica l’anno in cui si è manifestata). Lo ha annunciato, l’11 febbraio 2020, nel briefing con la stampa durante una pausa del Forum straordinario dedicato al virus, il Direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus
Fonte Salute.gov.it

CONDIVIDI